6 x 9 = 42

“Ho sempre detto che c’era qualcosa di fondamentalmente sbagliato nell’universo…” (Arthur Dent)

Archive for the ‘Riflessioni’ Category

Sull’Infallibilità della Scienza

Posted by scardax su giugno 1, 2012

Mi ricollego ad un post di qualche tempo fa, pubblicato da BadScience, che a sua volta discute un controverso articolo apparso l’estate scorsa sulla rivista Nature Neuroscience, per introdurre un argomento alquanto interessante: quanto è infallibile il metodo scientifico? L’esperienza quotidiana ci insegna che la risposta si pone fra “molto” e “completamente”, e su questo credo saremo tutti d’accordo. Ma quanto oscilla fra questi due estremi?

La paura dell’errore è il vero spettro di ogni disciplina scientifica. Fra le pieghe dell’ortodossia comunemente accettata e nei meandri dell’iperspecializzazione lo Sbaglio, sotto le sue molteplici forme, si può annidare in ogni angolo. E niente, nemmeno il rigore del metodo scientifico, è in grado di escluderlo con certezza assoluta.

La storia della filosofia scientifica (e matematica in particolare) degli ultimi due secoli è stata una lotta incessante fra chi desiderava una scienza di puro rigore, che discendesse da assiomi incontestabili con metodi inconfutabili, chi rivendicava l’intuito al centro di tutto, ed infine la disperata ricerca di un necessario equilibrio. La pura logica dà vita ad una scienza incompleta, ma il puro intuito è quantomento contestabile. Dov’è, quindi, la giusta via di mezzo?

L’universo accademico di oggi è alla ricerca di questo equilibrio in un mondo in cui il numero di pubblicazioni, di ricercatori, di discipline e di interconnessioni è cresciuto a dismisura, un equilibrio tutto costruito con l’utilizzo di poche semplici regole: revisioni indipendenti di ciascun articolo prima della pubblicazione, possibilità continua per esso di essere confutato in seguito, indice di importanza per riviste, tutto al servizio del tentativo di evitare l’errore o, quantomento, arginarlo il prima possibile. Eppure…

Sander Nieuwenhuis e colleghi hanno identificato una grossolana imprecisione di tipo statistico che appare in oltre la metà degli articoli scientifici che hanno considerato in campo neuroscientifico, e che ne inficia seriamente la validità e le conclusioni. Per chi non masticasse l’inglese dell’articolo originale, cercherò di ripetere la sua spiegazione con un esempio più leggero. Supponete di avere inventato una nuovissima ricetta per la vostra pasta al sugo. Per testarla, la proponete ad un gruppo di 100 buongustai romani, 25 dei quali dicono di esserne più soddisfatti rispetto alla ricetta originale. Poichè considerate qualsiasi risultato sopra il 20% statisticamente significativo, avete una prima conclusione da pubblicare sulla vostra rivista di cucina preferita: la vostra ricetta piace di più ai romani.

In seguito proponete la ricetta ad un gruppo di 100 milanesi, 15 dei quali si dicono più soddisfatti. Il risultato è sotto la soglia, quindi ne deducete che non c’è un miglioramento statisticamente rilevante riguardo ai milanesi. A questo punto, l’intuito ci dice che una terza conclusione è che il palato romano ed il palato milanese rispondono differentemente alla vostra ricetta. E questo è anche quanto ci dicono la maggior parte degli articoli passati in rassegna dagli scienziati olandesi, seppur nessuno, almeno credo, parla di ricette di pasta al sugo. Nonostante ciò, questo risultato è errato! Infatti, per motivare questa affermazione, la differenza di apprezzamento tra i due gruppi dovrebbe essere statisticamente significativa a sua volta. Ma, dai numeri che vi ho fornito, questo non sussiste: 25 – 15 = 10%, che è al di sotto della nostra soglia prescelta. Ed è così anche nella metà dei 157 articoli passati in rassegna nei quali questo stesse ipotesi erano vere.

Certo, la statistica è la madre di tutte le confusioni. E nulla, come sottolinea correttamente BadScience, può escludere da parte di alcuni autori una scorrettezza intenzionale pur di essere pubblicati. Eppure, il fatto che addirittura io sia riuscito a spiegarvi l’errore e la sua diffusione sembrerebbero un punto a sfavore dell’infallibilità del metodo scientifico. D’altro canto, il fatto che questo nuovo articolo (che a sua volta potrebbe essere confutato) chiarificatore sia stato pubblicato sembrerebbe un punto ancora maggiore a favore del metodo scientifico stesso.

Quanto ancora può migliorarsi la scienza (e quanto proteggersi dalla disonestà intellettuale)? Quanto lontana è ancora dal suo perfetto equilibrio?

Annunci

Posted in Matematica, Riflessioni | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 1 Comment »

Conosce Abbastanza Chi Sa Come Apprendere

Posted by scardax su ottobre 25, 2010

Nell’ultimo post (scritto, temo, quando “scazzi” faceva solo pensare ad un buffo slang giovanile), abbiamo parlato di istinti, e di come anche l’apprendimento possa essere ricondotto, in ultimissima analisi, ad un istinto incredibilmente sviluppato del genere umano.

In fondo, all’aumentare della complessità di un organismo, va di pari passo un aumento delle sue capacità di apprendimento: mentre il famoso cane di Pavlov sembra poter imparare semplici connessioni causali tramite uno stimolo ripetuto, la capacità dell’uomo di imparare è di dimensioni incomparabilmente maggiori, e gli permette operazioni tanto diverse fra loro quanto quelle di generare una teoria scientifica o di sviluppare una particolare strategia a scacchi.

E’ chiaro come, in questo caso, io stia usando la parola “apprendere” non tanto nel senso scolastico, ovvero “imparare nozioni lette o dette da qualcun altro”, quanto nel senso più generale di generare nuova conoscenza a partire da conoscenza preesistente. Parte dell’apprendimento scolastico puo’ essere considerato un caso particolare di questo senso più ampio, nel quale (almeno in teoria) cerchiamo di far nostro un ragionamento già stabilito e di comprenderne le conclusioni.

Esistono sostanzialmente due tipi di apprendimento: deduzione ed induzione, altrettanto importanti e fra loro complementari, ma la cui distinzione spesso non viene chiarita al punto che spesso essi vengono confusi.

La deduzione è quel processo a cui veniamo abituati durante le lezioni di matematica scolastica: a partire da una serie di assiomi di cui si assume la verità, si cercano di derivare nuovi teoremi e postulati. Questo tipo di ragionamento ha il pregio di essere esatto: una volta accordatici sulla verità degli assiomi, e la correttezza della deduzione, nessuno puo’ dubitare della validità della conclusione. Se accettiamo che “in Estate fa caldo”, e che “adesso è Estate”, non possiamo opporci se poi ci viene detto che “adesso fa caldo”.

Sorvolando per il momento sulla difficoltà di trovare (ed accordarsi) sugli assiomi di base, su cui comunque faremo ritorno fra poco, possiamo comunque notare il grande limite della deduzione: il fatto di dover sempre procedere dal generale verso lo specifico. Avendo a disposizione solo teoremi ed assiomi su rette, non riusciremo mai a dedurre una proprietà su piani, o su volumi. Il confine delle nostre deduzione viene fissato nel momento stesso in cui definiamo l’insieme degli oggetti di cui parlano i nostri assiomi.

L’induzione, invece, è il processo esattamente inverso: da proprietà specifiche cerchiamo di dedurre proprietà più generali. Ci bruciamo due volte toccando una candela, e ne induciamo che il fuoco della candela fa sempre male. Non lo deduciamo, badate bene. Per quante volte una mela cada a terra, non potremo mai dedurre da questi soli fatti che cadrà sempre. Possiamo “indurlo” (in realtà non sono neanche troppo sicuro che si possa dire), oppure possiamo assumere la forza di gravità e dedurre che la mela cadrà. E’ chiaro che, mentre abbiamo perso la certezza delle nostre conclusioni e dobbiamo essere pronti in ogni momento ad ammettere la falsità di alcune di esse, ora il nostro limite risulta essere solo la cautela che poniamo nei nostri salti induttivi. Peraltro, l’unico modo di generare assiomi sembra essere un criterio induttivo.

Per tutti questi motivi, l’induzione appare una forma di ragionamento incredibilmente più potente della deduzione, se ben usata, e ce ne possiamo ben accorgere anche nella difficoltà ad implementarla in maniera automatica. Un robot ben programmato puo’ facilmente dedurre qualcosa da informazioni che già possiede… Ma “indurre” qualcosa? Richiede la capacità di lavorare a diversi livelli di descrizione della realtà, di saper dosare l’audacia delle proprie conclusioni, di poter verificare continuamente quanto si sa, e di cambiare i propri giudizi a seconda di quello che l’evidenza ci presenta. Una sfida incredibilmente più difficile, ma di certo necessaria se vogliamo poter classificare le nostre macchine come “intelligenti”.

Quanto vi interessa l’argomento? [O meglio, mi seguite ancora dopo tutto questo tempo? Battete un colpo!]

Righe conclusive: il titolo è una mia personale variazione sulla famosa frase “They know enough who know how to learn” di Adams. Per l’idea del post, si ringraziano le slides dei corsi del Prof. Rizzi.

Posted in Informatica, Riflessioni | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 8 Comments »

L’Istinto che ci Distingue

Posted by scardax su giugno 4, 2010

Per il post di oggi, interessiamoci ad uno dei maggiori dibattiti scientifici dell’ultimo Secolo: potremmo intitolarlo “istinto contro apprendimento“. Ognuno ha la sua (confusa) opinione sull’argomento: si dice che l’uomo abbia superato gli istinti tipici del mondo animale grazie alla sua abilità di imparare dall’ambiente che lo circonda; oppure che l’uomo crede di poter imparare, ma è ancora guidato da soli istinti; o forse siamo 35% istinto e 65% apprendimento… E cosi’ via.

Ma questa opposizione è completamente senza senso ed irrazionale: istinto ed apprendimento non sono due concetti in lotta fra loro, anzi. Quando guardiamo da più vicino, capiamo che, in fondo, la capacità di apprendere non è altro che un ulteriore istinto dell’uomo! E’ questa una delle grandi scoperte scientifiche del Secolo: l’uomo non è un animale con meno istinti della media; quello che ci distingue, non sono altro che ulteriori istinti. Istinti che possiamo poi sviluppare o meno grazie alle influenza che riceviamo dal concepimento fino all’età adulta. Ma, nonostante tutto, istinti: la mente non è una favolosa “tabula rasa” su cui costruire una personalità; è una rampa di lancio, un meltin pot di potenzialità che alla lunga ci caratterizzano per quello che siamo e che diventiamo negli anni.

Nulla rende questo concetto più dell’esempio del linguaggio, lo stesso esempio che grazie al lavoro di Noam Chomsky diede il via a questa “rivoluzione” del nostro modo di vederci. Il linguaggio: quella stessa cosa che sembra renderci umani, l’essenza stessa di quella che è la nostra capacità di apprendere, quello che appare come il cuore del nostro pensiero. Il linguaggio, oggi sappiamo, è un istinto. L’istinto del linguaggio, per dirla con le parole di Steven Pinker. Esiste una sorta di “grammatica universale” all’interno della nostra mente, una serie di regole predefinite che sottostanno ad ogni lingua parlata su questo pianeta: quando un bambino impara la sua lingua madre, non fa altro che recepire una serie di particolarità di ciascun idioma (ad esempio, dove porre l’aggettivo rispetto ad un nome), ed assorbire un vocabolario. Il resto è fatto da dei moduli già tarati del nostro cervello.

A dirla oggi, sembra banale. Solo questo spiega l’incredibile facilità con cui impariamo la nostra lingua madre, nonostante una serie quasi paradossale di regole che nessuno ci spiega. Spiega anche perché la lesione di determinate aree del cervello possano distruggere la nostra capacità di parlare, cosi’ come la nostra capacità di capire quello che ci dicono. Sembra banale, ma non lo è.

Non siete convinti? Andiamo avanti con l’esempio pratico. Derek Bickerton studio’ un caso di lavoratori, fra loro stranieri, portati a lavorare nel diciannovesimo Secolo alle Hawaii. Come sempre succede in queste situazioni, per comunicare fra di loro essi svilupparono un linguaggio incredibilmente semplificato, con poca espressività ma notevole complicazione nel formare concetti: quello che viene oggi chiamato un pidgin. Nella generazione successiva, i bambini vennero esposti a questo pidgin, che interagendo con la grammatica universale a cui abbiamo accennato prima, si trasformo’ in un vero e proprio linguaggio, completo di desinenze, nuovi modi di formare frasi, incredibile versatilità: il creolo.

E questo si è ripetuto in numerosi casi, dalla Sierra Leone alla Papua Nuova Guinea. Non solo: si puo’ verificare anche tra comunità di sordi che comunicano con il linguaggio dei segni, che dalla sua rozza versione generalmente insegnata si tramuta in un linguaggio con tutti i crismi.

Nelle guerre di ideologie che verranno con la continua crescita della nostra comprensione della genetica, riflettere su questi temi diventa di un’importanza fondamentale. L’istinto comandato dai nostri geni è un potenziale: niente grammatica universale, niente linguaggio. Ma quanto la società può’ veramente influire su questi potenziali? Quanto conta la famiglia rispetto alla scuola, rispetto ai gruppi con i quali interagiamo continuamente?

Per approfondire maggiormente il tema dell’istinto del linguaggio, consiglio vivamente il libro del già citato Pinker dallo stesso nome: http://www.anobii.com/books/Listinto_del_linguaggio/9788804453505/013c70e06716726bb9/

Posted in Evoluzionismo, Riflessioni | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 4 Comments »

Cogito Ergo Sum

Posted by scardax su dicembre 6, 2009

Oltre un Secolo fa, “progresso” era una gran bella parola. L’unico impedimento alla nostra piena comprensione della Natura, allora, era solo il tempo: presto, le scienze fisiche ci avrebbero spiegato il comportamento dell’Universo, e le nascenti scienze sociali, forse, quello dell’Uomo. E la tecnologia avrebbe sfruttato queste conoscenze per farci andare sempre più veloci da un punto all’altro del pianeta, per curarci, per farci vivere meglio.

Ed oggi, cosa ne é dei vecchi sogni positivisti? Nel secolo successivo al Titanic, ad Hiroshima e Nagasaki, alle guerre batteriologiche organizzate (al cui confronto gli eccidi di Indiani a base di influenza ed alcool ci sembrano uno sciocchezzuola infantile), ad Einstein e Bohr, il mondo ci sembra più complicato di sempre. Abbiamo capito che i progressi della tecnologia non coincidono sempre con i progressi della mentalità umana, ma non per questo abbiamo smesso di cercare.

Anzi: senza vantarci troppo, possiamo dire di avere un quadro (anche se in alcuni punti solo accennato) abbastanza preciso di tutto l’Universo. Se domani un alieno misteriosamente sbarcasse da noi e fosse in grado di capirci, potremmo spiegargli il magico mondo delle particelle subatomiche, l’incanto della nascita e dello sviluppo delle galassie, i misteri dell’elettrone, il brio delle cellule, il dinamismo dell’evoluzione, le sottili complessità del cervello umano… Ma ci manca ancora un grande tassello. “D’accordo”, ci direbbe l’alieno. “Il vostro occhio viene stimolato da dei raggi di luce, il tutto é convertito in segnali elettrici, questi vengono analizzati per attivare simboli di oggetti e persone note, che provocano il rilascio di particolari sostanze chimiche e neurotrasmettitori, eccetera. Ma per quale ragione siete coscienti? Perché il rosso, oltre ad essere riconosciuto come rosso dal cervello, provoca in voi una sensazione di (scusatemi il termine) rossità?”.

Che brutta domanda da farsi ad uno scienziato. Uno ti volterebbe le spalle dicendoti che la coscienza non esiste, un altro ti direbbe che deriva evidentemente da tutto il resto, il sincero ti risponderebbe che non ne ha la più pallida idea. Su questo argomento, ne sappiamo quanto prima. Perché sentiamo le sensazioni? Da dove deriva la coscienza che abbiamo di noi stessi? Un gatto é cosciente? Se organizzassimo gli abitanti della Cina come i neuroni del nostro cervello, la Cina stessa diventerebbe un essere cosciente? (Immagine in gentile concessione da Pinker).

Non ne sappiamo niente, ma abbiamo delle gran belle idee in merito. Hofstadter, premio Pulitzer, pensa che il simbolo dell’Io nel nostro cervello sia un simbolo come gli altri, che a causa del grandissimo tempo durante il quale é stimolato, e grazie ad un non meglio specificato meccanismo di retroazione, diventa cosciente. E’ un’immagine più poetica di quanto non sembri, in quanto vuol dire che pezzi della nostra coscienza vivono in altre persone, seppur in misura minore. Penrose, fisico di eccellenza, é convinto invece che nella coscienza siano coinvolti processi quantistici ad un livello più basso del singolo neurone. Le sue idee oggi sanno di fiasco, ma continuano a far discutere.

Jaynes non sapeva dire cos’é la coscienza, ma aveva idee intriganti comunque. In particolare, era convinto che noi uomini non siamo sempre stati coscienti, ma che si tratta di una conquista relativamente recente, successiva ad un periodo in cui un’umanità non cosciente era guidata da voci interiori che hanno dato origine a tutta la civiltà di Dei che tanto bene conosciamo. Visto che buona parte delle sue previsioni stanno venendo oggi confermate, vale la pena di dare un’occhiata ad una delle teorie scientifiche più controverse del Secolo.

Pinker descrive un abbozzo del funzionamento di tutto il cervello, ma lascia totalmente da parte la coscienza. Chalmers, al contrario, é uno dei pochi a focalizzarsi su un tentativo di spiegarla. Anche non riuscendoci, indubbiamente é uno di quelli che ha spiegato meglio il problema.
Per finire,  recenti sviluppi ci mostrano come (sembra che) il cervello metta in moto un’azione volontaria circa mezzo secondo prima che un soggetto ne abbia effettivamente coscienza! Esiste il libero arbitrio o siamo solo coscienti delle scelte che il nostro cervello fa per noi? E’ forse il cervello ad essere libero? Oppure noi siamo il nostro cervello?

Ok, mi fermo.

Posted in Riflessioni | Contrassegnato da tag: , , , , , | 5 Comments »

Vita si’, Vita no

Posted by scardax su giugno 19, 2009

La distinzione fra cio’ che é vivo e cio’ che non lo é ha sempre agitato gli animi: basti pensare ai dibattiti sull’aborto, alle posizioni “estremiste” di alcuni vegetariani (o vegani, che dir si voglia), a diversi movimenti ecologisti…  Cercare di approcciarsi al problema razionalmente sarà l’oggetto di questo post.

E’ probabilmente impossibile trovare una definizione di “vivere” su cui chiunque concordi, in quanto la parola stessa si porta appresso gran parte della nostra cultura, delle nostre esperienze, religioni e cosi’ via. Quindi, piuttosto che capire cos’é la vita per poi tracciare una linea che separi i vivi dai non vivi, cerchiamo di operare prima questa distinzione per poi generalizzare in una definizione.

In particolare, cominciamo dai fatti noti: io, voi che leggete e le persone che conoscete sono, indubbiamente, vive (a meno che non siate bot in giro per il web). Su questo, almeno, direi che tutti possiamo concordare. Potremmo anche concordare facilmente sul fatto che cani, gatti e, generalmente, qualunque animale di taglia sufficientemente grande sia vivo. Ho dovuto specificare la condizione della taglia perché scendendo troppo in basso cominciano a sorgere alcuni problemi: una formica, ad esempio, é viva? Il suo sistema nervoso é estremamente meno sviluppato di quello di un cane, ed inoltre il cervello non é sufficientemente complesso per l’emergere di una coscienza. Sono creature complicate, é indubbio, ed ottengono risultati straordinari come gruppo, ma non sono molto più complicate di alcuni apparecchi elettronici che usiamo ogni giorno.

Scendere lungo la scala biologica diventa pero’ via via più semplice: alcuni potrebbero dire che un virus é vivo, pochi affermerebbero che una singola cellula lo é, e la domanda non ha neanche senso se posta riguardo ad un unico atomo. Diminuendo le dimensioni ci siamo persi la vita da qualche parte, ma la domanda cruciale é: dove? In che punto?

Lasciamo da parte per un attimo questa domanda, e torniamo a considerare qualcosa di verosimilmente vivo: un grillo, ad esempio. Ecco un’altra domanda: un robot in tutto e per tutto simile ad un grillo (stesse articolazioni, uguale configurazione neuronica e cosi’ via) é vivo? Oggetti di questo genere sono stati realizzati, e si comportano in maniera identica ai grilli “naturali”, eppure difficilmente un’associazione animalista si batterebbe per i loro diritti. Eppure, cosa li distingue dal grillo originale? Le risposte sono due:

  1. Non sono formati da tessuti organici, ma da metallo. Questa é una distinzione un po’ triste, in quanto ci toccherebbe concludere che il carbonio é “vivo”, ma il silicio no (eppure chimicamente non sono neanche troppo diversi).
  2. Non sono “nati” né cresciuti, ma sono stati costruiti. Questo vorrebbe dire che voi vi dovreste considerare “vivi” solo in relazione alla vostra nascita ed alla vostra crescita. Eppure, in questo momento vi sentite indubbiamente vivi, e questo momento non dipende certo dal fatto che siate cresciuti nel passato (o forse si’). Lasciamo anche quest’obiezione aperta.

Avendo esaminato un po’ di punti di vista, potremmo ora cercare di metterci d’accordo su di essi. Io vi dico che un robot é vivo, qualcuno di voi mi risponde che no, non lo é, ma é viva una formica, io vi rispondo che allora anche una cellula lo é, altri mi dicono di no, e cosi’ via. Conclusione: é sostanzialmente impossibile tracciare una linea di demarcazione oggettiva fra cio’ che é vivo e cio’ che non lo é. Eppure, la logica di tutti i giorni ci dice che, se non possiamo distinguere due oggetti, quei due oggetti sono la stessa cosa (o, equivalentemente, non ha senso l’azione di distinguerli). Quindi, possiamo concludere che non vi é differenza fra cio’ che é vivo e cio’ che non lo é. Peggio ancora, non ha neanche senso il concetto di vita.

Questa conclusione, che ricorda un po’ la filosofia Zen, non é poi cosi’ astrusa come puo’ sembrare a prima vista: “vita” é un nome di comodo che diamo ad organismi particolarmente complessi, ma che non esiste in Natura. Non vi é un momento in cui, continuando a combinare atomi in maniere sempre più complesse, emerge un qualcosa di oggettivo che poi chiamiamo “vita”.

Concludere un post del genere é difficile, quindi lascio a voi il compito, se vorrete dirmi cosa ne pensate dell’argomento. Spero comunque di avervi un minimo appassionato al dibattito!

Posted in Riflessioni | Contrassegnato da tag: , , | 13 Comments »

Sono Tutti d’Accordo

Posted by scardax su settembre 6, 2008

Complottista. Dal dizionario, “colui che vede dietro gli eventi del mondo una trama gestita da individui che operano nell’ombra“. La definizione puo’ farci sorridere, ma in fondo siamo tutti un po’ complottisti: chi, guardando una qualche volta un servizio giornalistico in tv, non ha esclamato “tanto si sono già messi d’accordo e ci stanno prendendo in giro”? Certo, si potrebbe obiettare che questo genere di “complotti” sono più o meno realistici e, in fondo, abbastanza innocenti. Molto meno realistico potrebbe essere, ad esempio, affermare che tutti i politici al Governo la sera cenano assieme ed il giorno dopo fingono di essere rivali per dare un contentino al popolo.

Se poi abbiamo deciso di rinunciare del tutto alla nostra dignità intellettuale, potremmo credere che non solo politici, e non solo Italiani, ma tutte le persone di maggior potere al mondo fanno piani fra loro che non rivelano. Che gestiscono i media e le mode. Che scelgono cosa scrivere nei libri di Storia. Se poi ci chiamiamo David Icke, ci rimane solo da far notare come queste persone non sono neanche umane, ma esseri intelligenti di un altro pianeta! E se non siamo ancora sufficientemente soddisfatti, possiamo abbellire la nostra “teoria” con decine, centinaia, migliaia di favolosi dettagli: cerchi nel grano, autopsie su alieni, Terre cave, scie chimiche, torri abbattute… Ottenendo discorsi come:

“Devi sapere che tutto quello che ti hanno detto fin dall’infanzia é falso. ll mondo é gestito da alieni a forma di rettile che passano il loro tempo libero regalandoci straordinarie opere d’arte intrecciando spighe di grano e un giorno, mentre andavano a recuperare un loro compagno in gita turistica a Rosswell, hanno per sbaglio abbattuto due torri di una famosa città, quindi hanno dovuto far finta di provocare una guerra, cosi potevano diffondere le loro scie chimiche in quanto l’altra finta malattia, l’AIDS, non funzionava come sperato e…”

“Ma anche no.”

A parte questa caricatura un po’ banale di un complottista estremo, la domanda del post é la seguente: quale ragionamento potremmo adottare per giudicare la possibile “verità” di teorie del genere? Il mio preferito é il principio del Rasoio di Occam, che sostanzialmente afferma che “la spiegazione più semplice ha molte probabilità di essere esatta“.

Voglio dire: abbiamo nozioni scientifiche che spiegano la maggioranza dei fenomeni fisici. Abbiamo la Storia che ci permette di ricostruire le vicende degli ultimi secoli in maniera perfettamente logica e coerente. Abbiamo un nuovo “mondo digitale” che rende quasi inevitabile la circolazione di qualunque tipo di notizia. Che bisogno abbiamo di rinnegare tutto per spiegare avvenimenti che, a loro volta, sono terribilmente opinabili?

Per fare un esempio: é dimostrato che figure come quelle dei cerchi nel grano possono essere create tranquillamente da persone senza neanche troppi strumenti tecnologici. Se invece infiliamo gli alieni nel ragionamento, ci tocca rispondere alla nuova domanda: per quale ragione un essere senziente percorrerebbe anni luce per venire a deliziarci con la sua arte? Peggio ancora: dove sono questi alieni? Le entità che dovrebbero spiegare il fenomeno sono addirittura più complicate del fenomeno stesso!

Vabbé, concludiamo queste riflessioni senza troppo senso, da domani ritorno ad argomenti più “scientifici” 🙂

Posted in Riflessioni | Contrassegnato da tag: , , , , , | 3 Comments »